Skip navigation

art_nouveau_n

1cb473c0

Gabriele D’annunzio ha vissuto in modo estremo, folle, vero, autentico e divenuto infine per il regime fascista un po’ scomodo. Benito Mussolini disse che era diventato come un dente cariato che o va estirpato o ricoperto d’oro: emblematico! Visse così in una specie di esilio dorato, sorvegliato, spiato, seguito, e trattato come un incapace lui cheazsep4xcaco466qca329k20ca9pc0eycalgxpn3cat5jqqbcaqwt9o0cazfqlvpca0ytqw3ca2urqwlcarzdmsxca9r8k3yca9n421vcag352qccadjou82cabp0tiicaa2nwgvcavpohczcaf8xt1a aveva più cervello degli altri da vendere. Al vate toccò anche l’ultima umiliazione, poichè gli affincarono un’infermiera tedesca che non lo perdeva mai d’occhio. Qui nasce un mistero scuro, torbido e di difficile soluxione, un mistero che sarà molto difficile da chiarire. Gabriele D’Annunzio un giorno fu trovato riverso senza vita sexy032sulla sua scrivania di lavoro e ci sono forti sospetti che l’orrida e oscura infermiera tedesca lo avvelenò facendo un favore al regime fascista e anche a quello Nazista! Non era un segreto che il Vate era contrario all’alleanza con i tedeschi e la sua voce aveva un peso, un peso che le camicie nere non potevano tollerare e così nacque la lggenda dell’avvelenamento della terribile infermiera. Perchè la necessità di assistenza sanitaria ad un uomo che stava images2benissimo e scoppiava di salute? Perchè non si scelse una professionista italiana? Perchè non ci fu autopsia? Perchè tanto riserbo? Chi aveva interesse a far sparire il Vate? Nella foto Marco Chierici che è uno scrittore di Parma, studioso della figura del vate e forse uno dei massimi conoscitori d’Italia della figura di D’annunzio, che ha di certo da dire la sua al riguardo!

Annunci

One Comment

  1. Simona cara, premetto che hai esagerato a definirmi un grande studioso di d’Annunzio; si mi piacerebbe, ma sono solo uno dei tanti lettori incantati e affascinati dall’Arte irraggiungibile del Poeta pescarese. Io credo di aver appreso solo una modestissima parte della enorme produzione letteraria del Vate. La mia sulla morte? Mah,è forse semplicistico dopo quasi 71 anni, cercare “il giallo” sulla figura dell’infermiera; io sinceramente credo più alla versione ufficiale, emorragia cerebrale. Che scoppiasse di salute…non so, non posso dirlo. Resta il fatto che da quel 1 marzo 1938 la sua figura è stata sottovalutata per faziosità politiche ingiustificate e disinformate. L’Arte, la cultura, le capacità, la sensibilità, l’intelligenza di Gabriele d’Annunzio rimarranno ai vertici per molte generazioni ancora, ammesso che un altro genio di simili proporzioni possa vedere la luce nel mondo della letteratura.
    Marco Chierici


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: