Skip navigation

Monthly Archives: novembre 2008

Notturno d’argento

 

f-amore_15Damian e Sasha erano sul tappeto in silenzio. Dallo scignon di Sasha, tenuto insieme da tre lunghe punte antiche d’argento, sfuggivano alcuni sottilissimi capelli che seguivano il dondolio lieve del ventilatore.

Damian beveva la sua birra, chiudeva gli occhi e sognava la sua barca a vela, poi si voltò verso Sasha, la baciò e la strinse! L’attenzione dei due fu attratta da un rumore di passi. Dalla porta entrò Lilian, con un abito dozzinale, capelli corti informi e quegli occhi di un celeste freddo e crudele, segno di malvagità. Damian si ritrasse, ma Sasha rimase immobile e Lilian si avvicinò come un serpente. Sasha sferrò a Lilian un calcio così forte da farla cadere sbattendo lfata2a testa sul pavimento, poi scattò in piedi, portò le braccia dietro la nuca, poi di nuovo in avanti e la malcapitata non ebbe il tempo di capire, poiché aveva già piantata nella giugulare una delle punte d’argento di Sasha, imbrattata dal fiotto di sangue che sgorgava copioso. Damian non ebbe tempo di battere le palpebre, che Sasha aveva inchiodato la seconda punta nel parquet, attraversando il palmo della mano di Lilian, poi prese la crostata alle more che prima stavano mangiando, la rovesciò sul cadavere mescolandola al sangue. Sasha riprese le punte, le pulì, afferrò le corde della tenda, le tranciò e arrotolò il tappeto sulla meretrice! Damian guardava la ragazza, fissando la punta che aveva ancora tra i capelli chiedendosi che n’avrebbe fatto! “He..Damian quando esci in barca ricordati di dare da mangiare ai pesci!”